Perché un libro sullo spreco?

 

Sprecare significa, letteralmente, “mandare in malora”.

Lo spreco riguarda non solo il cibo che compriamo, ma anche gli oggetti che possediamo e il tempo che ci è dato, e poi ancora il futuro dei nostri figli, nelle cui mani dovremo consegnare un mondo vivibile, e di chi, oggi, si trova in condizioni di povertà. 
Ogni volta che sprechiamo qualcosa mandiamo in malora anche le speranze di riscatto degli ultimi e dei bisognosi. Le nostre scelte hanno infatti una risonanza molto più ampia di quello che possiamo immaginare ed è bene esserne consapevoli, così da poter agire con responsabilità.

 

Constatare che la condizione di povertà in cui vivono milioni di persone e il nostro spreco sono due facce della stessa medaglia non può lasciarci indifferenti. È da qui che nasce il libro #IOSPRECOZERO, dal bisogno di affermare che la dignità di chi è meno fortunato di noi passa anche dal trattare con rispetto ciò che abbiamo, senza sprecarlo.
Ciascuno di noi può fare la sua parte, partendo dalle piccole abitudini quotidiane e da quei gesti che compiamo senza nemmeno pensarci, su cui #IOSPRECOZERO ci invita a riflettere.

 

 

C’è chi ci prova: trasformando nell’ingrediente principale di una ricetta culinaria antispreco ciò che solitamente viene scartato, costruendo nuovi oggetti con materiali di recupero, condividendo l’automobile con chi deve fare la stessa strada.
Ma ci sono altri infiniti modi di aderire a questo pensiero, ed ecco il senso delle pagine bianche inserite alla fine di ogni capitolo: cercare altri spunti e annotare idee personali per trovare lo stile di vita più adatto a ciascuno di noi. E poi condividere il tutto con altre persone, utilizzando i social media e gli hashtag dedicati.

 

L’idea di #IOSPRECOZERO, infatti, è quella di provarci insieme, perché in questo caso più che mai l’unione fa la forza. Solo pensando al nostro impegno che va a sommarsi a quello di molti altri, ai nostri piccoli sforzi che diventano le buone abitudini della collettività, allora capiamo la portata di tutto questo. Capiamo che, insieme, possiamo davvero cambiare le cose.

 

Restituire alle cose il loro giusto valore significa vivere la quotidianità in modo più pieno e consapevole, per agire con responsabilità nei confronti del nostro destino comune e, nello stesso tempo, rispettare la dignità di chi soffre.

 

Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK

Loading…