Ceramica Del Conca

Più di 2 tonnellate di orzo, farro, ceci, fagioli e lenticchie, quasi 1 tonnellata di salumi tra lonzino, pancetta, prosciutto con l’osso e salsiccia, 800 chilogrammi di pecorino e quasi altrettanti di pasta di tutte le fogge: sono i prodotti della terra marchigiana, frutto del paziente lavoro di piccoli contadini e allevatori, che hanno rischiato di rimanere invenduti. I terremoti che hanno colpito l’Italia centrale nel corso del 2016, e che ancora non si placano, hanno infatti distrutto interi paesi e insieme a quelli la vita, i mestieri, le attività delle persone che li abitavano.

Ceramica Del Conca, azienda leader nella produziono di pavimenti e ceramiche di qualità, ha quindi pensato di destinare le risorse dedicate alle strenne natalizie per l’acquisto di questo ben di Dio, risollevando così le sorti di molte imprese a conduzione famigliare.

Non solo: l’incredibile partita di cibo – quasi 5 tonnellate, impacchettate in più di 200 colli – è stata spedita alla Comunità Papa Giovanni XXIII e quindi suddivisa tra le molte realtà presenti nelle Marche e in Emilia Romagna. Una cinquantina di case famiglia e una decina di famiglie aperte, 15 case di accoglienza, 8 comunità terapeutiche, 2 Capanne di Betlemme ed il Villaggio della Gioia, dove vivono intere famiglie in difficoltà, per un totale di circa 800 beneficiari,  si sono visti recapitare il più ricco regalo di sempre: non solo cereali, legumi, salumi, formaggi e pasta con cui preparare i pranzi delle Feste, ma anche un augurio di speranza per un futuro migliore, da costruire insieme.

Augurio che ha preso forma nel video realizzato per raccontare l’iniziativa, i cui attori sono alcuni dipendenti dell’azienda, che rappresentano la volontà di altri 600 di rinunciare alle strenne natalizie a beneficio di chi ha più bisogno.



Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo. Clicca qui per maggiori informazioni. OK

Loading…