fbpx

Zambia

Oggi ho pedalato velocissimo lungo Minsundu Road, fino a dove finisce l’asfalto e inizia lo sterrato, oltre il cartello nuovo “MARY CHRISTINE FARM – DIFFERENTLY ABLED PROJECT – NDOLA, ZAMBIA”, oltre il cancello dipinto di fresco; ho buttato la bicicletta contro il muro e mi sono precipitato nella sala adibita a mensa per controllare che ci fosse davvero: Masautso.

E c’era: accanto al fratello Dabuisso, la carrozzella piazzata a capotavola, perché le panche sono un tutt’uno con i tavoli ma anche perché lui se lo merita, il posto d’onore. E si merita anche il bicchiere di tè troppo zuccherato, la focaccina che stringe tra le mani e le patate dolci appena raccolte nell’orto, perché chissà quando ha fatto una colazione così nella sua vita.

Oggi è per lui il primo giorno a Mary Christine Farm. Fino a ieri Masautso passava le sue giornate nel cortile di terra battuta dell’abitazione che divide con i fratelli, occupando il tempo con piccoli lavori: sgusciare le arachidi e i fagioli, fabbricare zerbini con ritagli di stoffa. Poi a sera rientrava in casa per coricarsi su un pagliericcio, rivolgendo una preghiera di ringraziamento a Dio. Non poteva fare nulla di più né andare da nessuna parte, perché Masauso è nato con una malformazione alle gambe e si sposta camminando sulle ginocchia e sulle mani infilate in un paio di ciabatte di plastica.

Da bambino aveva una carrozzella donatagli dalla parrocchia, con quella andava anche a scuola, ma poi è cresciuto, è diventato pesante, le ruote si sono bucate, la struttura ha ceduto e lui è stato condannato alla quasi immobilità.

La vita nel compound è già di per sé dura, ruvida e scomoda, figurarsi a camminar sulle ginocchia… E figurarsi a far parte di una famiglia come la sua: erano dieci fratelli e quando sono rimasti orfani di madre il padre li ha abbandonati per rifarsi una vita altrove. Tutti, anche il più piccolo, che poi è morto, anche Masautso con quelle gambe, anche Dabuisso, con un ritardo mentale.

Poi se ne sono andati pure gli altri e a condividere la miseria quotidiana con loro sono rimasti solo due fratelli, che non lavorano. Le risorse economiche sono quasi inesistenti, accendono il braciere una volta al giorno e spesso cucinano solo inshima, la polenta bianca di farina di mais, senza niente altro.

Abbiamo conosciuto Masautso durante le visite a domicilio agli utenti di Mary Christine: Dabuisso fa parte del progetto da molti anni, poiché la sua condizione gli ha permesso di frequentare una Scuola Speciale, quindi il Centro di Formazione, e poi di lavorare all’azienda agricola dedicata ai diversamente abili. Ma perché Masautso no?
Ci siamo mossi per fargli avere una carrozzella nuova, poi gli abbiamo proposto di iniziare a frequentare Mary Christine Farm.

Oggi è stato il suo primo giorno e io credo di averlo guardato con un misto di tenerezza, ammirazione e orgoglio, perché ho avuto la sensazione, da volontario, di avere contribuito a qualcosa di straordinario.

Oggi è stato il suo primo giorno ed è trascorso in quel modo semplice tipico delle cose buone e giuste. Masautso ha fatto colazione insieme agli altri, poi gli è stato assegnato il compito di strappare le erbacce dall’orto – io volevo protestare, ma quando l’ho visto scendere dalla carrozzella, sistemarsi nella terra rossa e lavorare con precisione e pazienza, ho capito che attraverso quel lavoro lui stava riacquistando la dignità perduta.

Masautso ha aiutato il cuoco ha preparare l’ifisashi, la pietanza a base di arachidi e verdure che il lunedì accompagna l’inshima, e poi a lavare i piatti grandi come vassoi, gli unici in grado di soddisfare la fame dei nostri agricoltori. Masautso, come gli altri utenti del progetto, riceverà alla fine del mese un contributo economico e dei beni di prima necessità – sapone, spazzolino e dentifricio, ma soprattutto cibo: zucchero, sale, olio da cucina e mealie meal, la farina di mais con cui si prepara l’inshima.

Così diventa non solo attivo e produttivo, ma anche quello che manda avanti la famiglia, insieme a Dabuisso. Loro, che sono diversamente abili.

Masautso, oggi, ha voluto fare il giro di Mary Christine senza che nessuno lo spingesse, per misurare i confini del suo nuovo orizzonte, prima di andarsene ha mormorato: Lesa twatotela, grazie Signore.

Aiuta Masautso e tutti i ragazzi con disabilità che incontriamo a scoprire le proprie abilità e a costruirsi un futuro.

Leggi le altre storie

Moses e Bupe

Prendersi cura delle pietre

Prima compagni di giochi e poi di strada: troppo poveri per andare a scuola, hanno imparato presto a guadagnarsi il pane facendo lavori di fatica…

Benny

Il bambino di strada oggi papà
Benny è stato uno dei tanti bambini accolti in Zambia all'interno della Holy Family Home For Children, la prima casa famiglia nata in missione nel 1985.

Jackson

Il maestro dei bimbi di strada
Se ripenso a quanto sono stato vicino a diventare un ragazzo di strada, mi viene un brivido. Perché quando finisci in strada, non sempre riesci a tornare indietro.